Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Marche
Natale 2004
Dialetto: Marche

Natale 2004
E' gidi giù pe' fasse 'na vacanza
e pe' spaparacchiasse sotta 'l sole,
mentre da noi, come l'usanza vole,
se celebra la festa in cui se pranza

tutti in famija e a tombola se sole
giogare fino a notte ne la stanza
dove del fogo c'è l'allegra danza
e fori c'è la neve a fa' capriole.

E' gente che non gode del Natale,
né del presepio attorno al bambinello,
non je ne frega de la santa messa

de mezzanotte offerta al paesello,
se butta ciega a fa' 'na grande ressa
in posti da diluvio universale.

  Traduzione in italiano


Sono andati laggiù per farsi una vacanza
e per crogiolarsi sotto il sole,
mentre da noi, come vuole l'usanza,
si celebra la festa in cui si pranza

tutti in famiglia e a tombola si suole
giocare fino a notte nella stanza
dove c'è l'allegra danza del fuoco
e fuori c'è la neve che fa capriole.

E' gente che disdegna il Natale
ed anche il presepio fatto attorno al bambinello,
non gliene importa niente della santa messa

di mezzanotte offerta in un paesello,
si butta cieca a fare una grande ressa
in posti colpiti dal diluvio universale.



Poesia inviata da: Giancarlo Vecci - Jesi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti