Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
Diu 'nni scanza ri li vecci Catalani
Diffidenza verso situazioni poco chiare: Storia della compagnia catalana.

Dialetto: Sicilia

Diu 'nni scanza ri li vecci Catalani
Si cunta, ca la cumpagnia Catalana, o Amulcavari era furmata ri Catalani, Aragunisi e Siciliani.
Doppu ca' avivunu ajutatu Fidiricu II ri Sicilia cuntra li Angiò ri Napuli.Si misuru o sirviziu re rui impiratori bizantini. Amdronicu II e Micheli IX Paliolugu.
A Cumpagnia era cumannata ri Ruggeru ri Flor ca' 'pi l'ajutu ratu lu ficiru Megaduca e ci ficiru spusari 'na principissina purfirugenita. Ruggeru ri Flor e na pocu re sovi furunu ammazzati a trarimentu ad Adrianopuli 'pi manu ri micheli IX 'nto 1305.
A stu puntu chiddi ca' ristaru si vindicaru cuntra i bizantini.Si assirragghiaru 'nta pinisula ri Gallipuli e misiru a ferru e focu i zoni vicinu Costantinopuli, a Tracia, a Macidonia e parti ri l'Anatolia. Quannu paasaru 'nta Grecia scunfissiru i francisi ro' duca r'Atini, Gualtieri I ri Brienni e si impussissaru ro' ducatu ca' tinniru 'pi quasi ottant'anni. Ancora ora 'nta l'orienti usanu riri: T'avissa pigghiari a raggia re vecci Catalani.

  Traduzione in italiano

Dio ci liberi da vechi catalani.
Si racconta, che la compagnia Catalana o Amalguvari era formata da Catalani, Aragonesi e Siciliani.
Dopo aver aiutato Federico II di Sicilia contro gli Angiò di Napoli. Si misero al servizio dei due imperatori bizantini. Andronico II e Michele IX Paleologo.
La compagnia era comandata da Ruggero di Flor che per l'aiuto dato lo fecero Megaduca e gli fecero sposare una principessina porfiriogenita. Ruggero di Flor e diversi dei suoi soldati furono ammazzati a tradimento a Adrianopoli per mano di Michele IX nel 1305.
A questo punto quelli che restarono si vendicarono contro i bizantini. Si asserragliarono nella penisola di Gallipoli e misero a ferro e fuoco le zone vicino Costantinopoli, la Tracia, la Macedonia e parte dell'Anatolia. Quando passarono in Grecia sconfissero i francesi del duca d'Atene Gualtieri I di Brienn e si impossessarono del ducato che tennero per quasi ottant'anni. Anco ora nell'oriente si dice: Ti dovrebbe prendere l'ira dei vecchi catalani.



Racconto inviato da: Paolo Campisi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti