Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Puglia
Candaléna vaje e bbène
Canticchiare fraseggiando,allegoricamente, anche contenuti morali, intesi a intrattenere bambini piccoli.

Dialetto: Puglia

Candaléna vaje e bbène
Nìch' nàch' nùsc'
s'ha futtùte ru puàne
la muscia,
e tu, sgangàte e senza riènd',
mangi pane a trarimiènd'.
Nìch' nàch' nonna
eia figliàta la maronna
ha fàtt' nnu bèll' bammìne
e l'ha chiamate
Ggiuànnìne.

  Traduzione in italiano

Filastrocca che va e viene
Nich' nàch' nùsc' (voci intraducibili)
il gatto
ha mangiato il pane,
ed anche tu, (bambino) privo di molari e di tutti i denti,
stai mangiando( pane) a tradimento (gratis).
Nìch' nàch' nonna
ha partorito la mia donna,
ha partorito un bel bambino
e l'ha chiamato Giovannino.



Poesia inviata da: Pasquale Castellano


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti