Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
I Vigneri (Mt 21,33-44)
La terza parabola che ci invita ad accettare che Dio dà piena fiducia agli uomini.

Dialetto: Sicilia

I Vigneri (Mt 21,33-44)
Gesù rissi:" C'era 'npatri ri famigghia ca' chiantau na vigna 'nto so' tirrinu,l'affittau a campagnoli e sinni ju luntanu.(...) I campagnoli quannu visturu a so' figghiu rissiru: "Chistu è l'eredi ra vigna, ammazzamulu e ni pigghiamu l'eredità!" U poigghiaru, u ittaru fora ra vigna e u' mazzaru. E ora quannu veni u patruni ra vigna chi fini ci fa fari a si campagnoli?" rissi Gesù. Ci rispunneru tutti:" I fa morri cu spaventu, pigghia a vigna e a runa a autri e aspetta ca' a tempu ri ricovita ci rununu a so' parti."
'Ni fa capiri ca u Patri ni voli beni e manna 'nto munnu so' figghiu a morriri'pi niautri.

  Traduzione in italiano

I vignaioli (21, 33-44)
Gesù disse:"C'era un padre di famiglia che piantò una vigna nel suo terreno, l'affittò a contadini e se ne andò lontano.(...) I contadini quando videro suo figlio dissero: "Questo è l'erede della vigna, uccidiamolo e ci prendiamo l'eredità!" Lo presero lo gettarono fuori dalla vigna e lo uccisero. E ora quando viene il padrone della vigna che fine gli farà fare ai contadini?" disse Gesù. Gli risposero tutti: "Li farà morire con spavento, prende la vigna e la dà ad altri e aspetta che a tempo di raccolto gli diano la sua parte."
Ci fa capire che il padre ci vuole molto bene e manda nel mondo suo figlio a morire per noi.



Racconto inviato da: Paolo Campisi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti