Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Liguria
O registratô
Dialetto: Liguria

O registratô
Ho ritrovòu un vëgio registratô
de quelli antïghi ancon con a bobinn-a,
l’ho aççeizo e ho sentïo un raggio de sô,

l’è sciortïo feua una bella voxinn-a:
a voxe do mæ figgieu quand’o l’ea figgin
ch’o spiëgava a so seu ciù piccininn-a

o presépio; o ghe mostrava o Bambin,
a Madonna, S. Giöxeppe, l’ase o beu,
e casette, a gexetta co-o campanin.

Ho rivisto attraverso a voxe do mæ figgieu
quello presépio che aveivo fæto mì,
l’ho rivisto con i euggi do cheu.

Alloa ean d’ö-træ casette cacciæ lì,
doe montagne de pappê, un pö d’erba cocca,
doe statuette de gesso pösæ coscì;

invece öa a stella inçimma a-a grotta
a no luxiva ciù co’na lampadinn-a
ma ä vedeivo brillâ comme ‘na votta,

quand’eo anche mì una figginn-a.
Vedeivo i pastoî co-e pëgoe in sciä montâ,
i angei in çê, e mentre quella voxinn-a

coscì dôçe a continoava a spiëgâ
mì trattegnivo una lägrima a stento;
comme aviæ voscïo inderrê tornâ!

pe poei rivive ancon quello momento,
che öa no poriö mai ciù scordâ
e che o me lascia tanta nostalgia drento!

Dialetto Genovese

  Traduzione in italiano

Il registratore
Ho ritrovato un vecchio registratore,
di quelli antichi, ancora con la bobina,
l’ho acceso e ho sentito un raggio di sole,

è uscita fuori una bella vocina:
la voce di mio figlio quand’era bambino
che spiegava a sua sorella più piccolina

il presepe; le mostrava Gesù Bambino,
la Madonna, S. Giuseppe, l’asino, il bue,
le casette, la chiesetta con il campanile.

Ho rivisto attraverso la voce del mio bambino
quel presepe che avevo fatto io:
l’ho rivisto con gli occhi del cuore.

Allora erano due o tre casette gettate lì,
due montagne di carta, un po’ di muschio,
due statuette di gesso posate così;

invece ora la stella in cima alla grotta
non si accendeva più con una lampadina,
ma la vedevo brillare come una volta

quand’ero anch’io una bambina.
Vedevo i pastori con le pecore sul monte,
gli angeli in cielo, e mentre quella vocina

così dolce continuava a spiegare
io trattenevo una lacrima a stento;
come avrei voluto indietro tornare!

per poter rivivere ancora quel momento,
che ora non potrò mai più scordare
e che mi lascia tanta nostalgia dentro!



Poesia inviata da: Alba Toscanini


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti