Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
U Natali 'nglisi
Come viene vissuto il Natale dagli inglesi.

Dialetto: Sicilia

U Natali 'nglisi
U 'zu Turi, vecciu lupu ri mari e allura omminu ca' ha fattu na vita ri mari e ha visitatu tanti Paisi ro' munnu. 'Nghiornu ni parrau ro' Natali 'nglisi. Quannu u Natali s'abbicina, ognarunu penza o rialu ca' avi accattari ppi parenti e amici. I strati brillunu pe' lamparini misi ri' ognu forma e culuri e i vitrini re nigozi su' fatti belli e chini ri cosi ca' costunu cari, misi ca' cu' i talia ci' veni u pitittu. U Natali è na' ranni festa ri famigghia, priciruta ra' viggilia ri Natali, u jornu pinzatu pe' cosi ca' sa na 'fari. L'emozioni arriva u matinu ri Natali, quannu i picciriddi s'arrisbigghianu e virunu ca', duranti a notti, nu' mistiriusu essiri maciamatu Babbu Natali, ha scinnutu re' ciaramiri e ha lassatu ogni piaciri ri riali. Ata sapiri ca' u mumentu culminanti è a mangiata ra sira ri Natali, quannu a solita carni ra' ruminica lassa u postu ho prusciuttu o furnu e ho 'nianu arrustutu, ci fa cumpagnia 'npastizzu ri carni cina di puma e nuci e ro' biancu mangiari ri Natali, cummigghiatu ri crema. I cammiri su dicorati cu agrifogghii, edira e vischiu e, occu vota, magari cu' ghirlandi e lamparineddi ca' lampiunu a culura, mentri i riali, cannili e cosi aruci su appinnuti 'nti l'arvulu ri Natali. 'Nta n'attumusfera calurusa, a 'nmenzu lu piaciri, a sirata si vò 'teni sinu e primi uri ri Santu Stefanu,<U jornu re' scatuliceddi> Si rici accussi, pirchì 'nta su jornu si rapunu i riala e s'arrialunu riali a chiddu ca spatti a posta, a chiddu ca' potta u latti eccetera.

  Traduzione in italiano

Il Natale inglese
Lo zio Salvatore, vecchio lupo di mare e quindi uomo che ha navigato molto e ha visitato molte città del mondo. Un giorno mi parlò del Natale inglese. Quando il Natale si avvicina, ognuno inizia a pensare al regalo che dovrà comprare per parenti e amici. Le strade brillano per le luci di ogni forma e colore e le vetrine sono allegramente decorate e pieni di oggetti costosi, esposti in maniera invitante. Il Natale è una grande festa familiare, preceduta dalla vigilia di Natale, il giorno dedicato ai preparativi. L'emozione inizia davvero il mattino del giorno di Natale, quando i bambini si svegliano e scoprono che, durante la notte, un misterioso essere chiamato Babbo Natale, si è calato giù dal camino e ha lasciato ogni sorta di regali. Dovete sapere che il momento culminante è la cena di Natale, quando la tipica carne arrostita della domenica lascia il posto al prosciutto al forno e al tacchino arrosto, accompagnato da un pasticcio di carne ripiena di mele e noci e dal budino di Natale, ricoperto di crema. Le stanze sono decorate con agrifogli, edera e vischio e, qualche volta, anche con ghirlande e luci intermittenti colorate, mentre regali, candele e dolci sono appesi all'albero di Natale. In un'atmosfera accogliente, all'insegna del buon umore, la serata si protrae sino alle prime ore del giorno di Santo Stefano, <Il giorno delle scatole>. Si dice così, perché quel giorno oltre ad aprire i regali propri si fanno regali al postino, al lattaio eccetera.



Racconto inviato da: Paolo Campisi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti