Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
Giufà, tirati la porta
"...Giufà prende alla lettera le parole altrui, spesso portando le situazioni ad esiti imprevedibili." I racconti di Giufà e altre storie, a cura di Giuseppe Celona e Benedetto Sergi, Edizione Greco.

Dialetto: Sicilia

Giufà, tirati la porta
'Na vota la matri di Giufà iju a la Missa; dici:
---Giufà, vaju a la Missa; tirati la porta.
Giufà, comu nisciu so matri, pigghia la porta e la metti a tirari, tira tira, tantu furzau ca la porta si nni vinni. Giufà si la càrrica 'n coddu, e va a la Chiesa a jittariccilla davanti di so matri:
---Ccà cc'è la porta!...
Su' cosi chisti?!...

(Pitrè, "Fiabe", III)

  Traduzione in italiano

Giufà, tirati la porta
Una volta la madre di Giufà andò a Messa.
---Giufà, --- gli disse --- vado a messa; tirati la porta.
Giufà, appena la madre uscì, afferrò la porta e la cominciò a tirare. Tira e tira, tanto la forzò che la porta si staccò. Giuf à se la mise sulle spalle e andò in chiesa a buttargliela davanti a sua madre:
---Qui c'è la porta!...
Son cose queste?!...

(Celona e Sergi)



Racconto inviato da: Giuseppe Pitrè


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti