Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Matri
Dialetto: Calabria

Matri
Dialetto calabro-montaltese

Ni simu fatti vijecchi tutti i duvi
ed oj vivimu 'nsiemi a n’atra banna
ma si te guardu me ricuordu adduvi
stàvamu tannu, quannu cc’era nanna.
Si guardu l’uocchi tua viju la muntagna
viju chira chiazza supr’all’Acqua 'a Curta,
e sientu la ciròma e mangiu a sagna,
e pienzu ca la vita nunn’è storta :
mo simu cca, luntanu du paijsi
ka n’ha vistu pizzenti e senz’arnìsi,
ccu tutti i figli, nati muntatisi,
e nu vurvinu i nori piamuntesi,
jènnari alessandrini giargianisi
e niputi chi parra in modu stranu
ka tutti quanti sannu u muntatisi,
a parrata di ddruòcu e l’italianu...
E ra sir’i Natali, quanta genti
adduv’attija si trova ppi fa festa !
Si pruovi a ri cuntà nun c’escia nenti
picchì su tanti i nuostri, e l’atri 'mpresta !
E quannu vinti, quannu na trentina
attuornu a kira tavula mbannita
ni ricurdamu i quannu, a ra matina,

pidizzi ccu capizzi era ra vita...
Ni ricurdamu i kini sinn’è jutu
e pocu s’è gudutu u cambiamentu
e nuvi ca simu li sopravvissuti
a Ddiu dicimu l’arringrazziamientu.
Pu’, davante a ra pasta ccu le sarde,
alla frittura i pisci e cim’e rapa
nun c’è malincunia k’un si disperde
ed alligrizza chi nun vena 'ncapa.

  Traduzione in italiano

Madre


Ci siamo fatti vecchi tutti e due
ed oggi viviamo insieme in un altro posto
ma se ti guardo mi ricordo dove
stavamo allora, quando c’era la nonna.
Se guardo i tuoi occhi vedo il monte,
Vedo la piazza sull’Acqua della Corte
e sento il chiasso e mangio la sagna
e penso che la vita non è storta:
adesso siamo qui, lontano dal paese
che ci vide pezzenti e senza arnesi,
con tutti i figli, nati montaltesi,
e un vivaio di nuore piemontesi,
generi alessandrini giargianesi
e nipoti che parlano in modo strano
che tutti quanti sanno il montaltese,
la parlata di qui e l’italiano...
E la sera di Natale, quanta gente
si ritrova da te per fare festa!
Se provi a contarli non ci riesci
perché sono tanti i nostri e quelli in prestito!
A volte venti, a volte una trentina
attorno a quella tavola imbandita
ci ricordiamo di quando, alla mattina,

pidizzi ccu capizzi era la vita...
Ci ricordiamo di chi se n’è andato
e poco si è goduto il cambiamento
e noi che siamo i sopravvissuti
a Dio diciamo il ringraziamento.
Poi, davanti alla pasta con le sarde,
alla frittura di pesce e alle cime di rape
non c’è malinconia che non si disperda
ed allegria che non venga in testa.



Poesia inviata da: Benito Ciarlo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti