Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
A'nu jucatore 'e tressette
A Napoli, come in altre città italiane, c'è una certa categoria di giocatori di carte che ama esclusivamente il gioco del tressette e lo fa passare per il gioco di carte più bello e difficile che esista, laddove pur essendo un gioco divertente non è così trascendentale come si vorrebbe far credere essendo basato sul possesso di carte convenzionalmente vincenti che - ove manchino - non è possibile, neppure ad un ottimo giocatore difendersi. Al tressette - gioco preferito dai così detti pigliatori di carte: cioè giocatori fortunati cui, nella distribuzione delle carte, la sorte manda sempre le migliori - altri giocatori oppongono lo scopone scientifico, giuoco che, prescindendo dalla bontà delle carte ricevute, consente sempre una difesa e la vittoria arride non al giocatore più fortunato, ma a quello più dotato di abilità ed intelligenza.

Dialetto: Campania

A'nu jucatore 'e tressette
Mo t’aggiu overamente scanagliato
e sulo mo cernenno crusca ‘a sciore
m’hê fatta ‘na grattata addó me prore...
Fino a mez’ora fa îve smammato

d’essere jucatore patentato
capace ‘e tené ‘e ccarte a servitora
specie a tressette, e guappo e prufessore
mettive tutte sotto, una vutata...

E grazie a orazio... tutto s’è chiarito
quanno t’aggiu ‘mmitatato a ffà ‘o scupone
‘nu juoco serio overo e sapurito

addó nun conta ‘o mazzo e a raggione
vence chi joca bbuono e asciutto asciutto
nun serve de tené ‘o culo rutto!

Nun è ‘o tressette addó vence ‘a partita
chi è pigliatore ‘e carte e avenno ‘mmano
mappate ‘e tre, longhe e napulitane
fa ‘o guappo sempe... Chesto ll’hê capito
e vuó fà sulo chistu juoco lloco
‘stu juoco ‘e femmenielle furtunate
e te nieghe ô scupone, a chistu juoco
addó – si nun saje jucà – piglie mazziate
e p’essere chiammato prufessore
hê ‘a jucà bbuono pure avenno ‘mmano
mmunnezza ‘e carte e no... napulitane!

  Traduzione in italiano

Ad un giocatore di tressette
Adesso ti ho veramente compreso
e solo ora dividendo la crusca dalla farina
mi hai fatto comprendere di che pasta sei fatto.
Fino a mezz’ora fa mi avevi fatto credere

di essere uin giocatore patentato
capace di avere le carte al tuo servizio
soprattutto a tressette e guappo e professore
facevi soccomber tutti rapidamente...

E tante grazie! Tutto mi si è chiarito
quando ti ho invitato a fare una partita di scopone
un giuoco veramente serio e di gusto

dove non conta la fortuna ed a ragione
vince chi gioca bene e senza altre parole
non serve avere il culo rotto(esser troppo fortunato)...


Non è un gioco come il tressette dove vince la partita
chi è un accaparratore di carte buone e avendo in mano
parecchi tre, lunghe e napoletane
fa sempre il guappo. Tu questo lo hai capito
e vuoi fare solo questo giuoco (il tressette)
questo giuoco da pederasti fortunati
e ti neghi allo scopone, un gioco
dove – se non sai giocare – prendi batoste
e per essere detto professore
devi giocar bene anche avendo nelle mani
pessime carte e non ... napoletane!



Poesia inviata da: Raffaele Bracale


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti