Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
Attu ri luluri
Anticamente i nostri padri lo recitavano ogni sera prima di andarsi a coricare o quando si confessavano. Oggi c'è la nuova versione del'atto di dolore per confessarsi.

Dialetto: Sicilia

Attu ri luluri
Ju mi dogghiu e mi pentu,
Signuri, cu tuttu lu cori
ri li piccati tutti caju fattu
'nta tuttu lu tempu ri la me vita.
Nun sulu pirchì piccannu aju persu
lu Pararisu e miritatulu 'nfernu,
ma principalmenti pirchì aju offisu
a Vui, Summu beni, dignu d'essiri amatu
supra tutti li cosi.
Vi prumettu veramenti, o Signuri,
aiutatu ra la vostra santissima razzia,
ri mai cchiù piccari, anzi amarivi,
sirvirivi e darivi gustu, pirchì
Vui lu miritati, e ju lu divu fari.

  Traduzione in italiano

Atto di dolore
Io mi dolgo e mi pento,
Signore, con tutto il cuore
di tutti i peccati che ho fatto
in tutto il tempo della mia vita.
Non solo perchè peccando ho perso
il Paradiso e meritato l'inferno.
ma principalmente perchè ho offeso
Voi, Sommo bene, degno di essere amato sopra tutte le cose.
Vi prometto veramente, o Signore,
aiutato dalla vostra santissima grazia,
di non peccare più, anzi amarvi, servirvi e darvi gusto,
perchè Voi lo meritate, e io lo devo farlo.



Poesia inviata da: Anonimo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti