Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lazio
La sera de li sposi
L'arrivo di un figlio spesso obbliga ad allentare la vita intima di coppia, un fatto che il più delle volte è mal tollerato dalla figura paterna.

Dialetto: Lazio

La sera de li sposi
Er pupo stà ddormì. Ma lassa pèrde
li pannolini, er ciuccio, er bibberonne;
si nun me guardi mò ... divento verde
e te confesso che da 'n pò le donne

nun me riesce de guardalle 'n faccia
pè corpa de 'n istinto che me morde
come ar seguggio quanno che và a caccia
perciò nun me tené ppiù sulle corde.

T'ho sempre detto che sei dorce, amore,
ciai tante qualità e ccose a pposto,
che me pòi fà felice e st'omo mòre

si nun te lassi annà a oggni costo.
Si er pupo cià freddo o cià calore
nun ce penzà, sò io che vado aròsto.

  Traduzione in italiano

La sera degli sposi
Il bambino sta dormendo. Ma lascia perdere
i pannolini, il ciuccio, il biberon,
se non mi guardi adesso ... divento verde
e ti confesso che da un po' le donne

non mi riesce di guardarle in faccia
per colpa di un istinto che mi morde
come al segugio quand'è a caccia
perciò non tenermi più sulle corde.

Ti ho sempre detto che sei dolce, amore,
che hai tante qualità e cose a posto
che puoi farmi felice e quest'uomo muore

se non ti lasci andare a qualsiasi costo.
Se il bambino ha freddo o troppo caldo non pensarci, sono io che mi stò arrostendo.



Poesia inviata da: Marco Pierucci


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti