Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Molise
La razza de re puverielle 'nze sc-terpenisce
Dialetto: Molise

La razza de re puverielle 'nze sc-terpenisce
Nu jurne decedette d'accasarse
Pasquale Scartapelle,bbone figlie
e prima de jerorse nu cunsiglie
a Dun Bejèase,ritte,j cercarse.

"Ched'é? Té vò ccasà?Uh,sciammallitte!
E che je dé 'mmagnié,prete de sciume?
Signore mio,Signore mio, che fiume, tenésse alméne n'arte sott'a titte".

"E vvojja,dun Biasine,gné fé brutte:
s'éna 'ccasà soltande re segniure?
E' giusc-te ca pe léure ce sc-tà tutte?

E pò,se nne m'accase nenn'é bbiélle
manghe pe re segniure tande ricche:
scorta la rrazza de re puverielle".

  Traduzione in italiano

La razza dei poverelli non si distrugge
Un giorno decise di sposarsi
Pasquale Scartapelle,buon ragazzo
e prima di fidanzarsi(giurarsi),un consiglio
da don Biase,dritto,andò a cercarsi.

"Cos'è?Ti vuoi sposare?Sii maledetto!
E che le dai da mangiare,pietre di fiume?
Signore mio,Signore mio,che fumo,
avesse almeno un'arte sicura(sotto al tetto)".

"E su, don Biasino,come fai brutto:
si debbono sposare soltanto i Signori?
E' giusto che per loro ci sia tutto?

E poi se non mi sposo,non è bello
nemmeno per i Signori tanto ricchi:
finisce la razza dei poverelli".



Poesia inviata da: Michele Di Ciero


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti