Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lazio
Er valore della giustizzia.
La Giustizia è rappresentata come una bilancia, ma che fatica per metterla in equilibrio.

Dialetto: Lazio

Er valore della giustizzia.
Ce vo' tremila pe' lavà l'offesa,
più cinquecento per danno morale,
lo stesso tocca dallo ar tribbunale
che c'ha da preservà la parte lesa.

Un quarto spetta puro alla difesa,
er bollo perché 'n fatto eccezzionale,
la tassa, er visto pe' l'addizzionale,
l'imposta sulla pratica ch'é accessa.

Ce so' li cento poi per testimone,
per cancelliere paghi la presenza,
co' atri ducento chiudi la questione.

So' prezzi de mercato, sempre a filo
legati all'annamento de' coscenza
basati sur concetto un tanto ar chilo.

  Traduzione in italiano

Il valore della giustizia.
Ci vogliono tremila per lavare l'offesa,
più cinquecento per il danno morale,
la stessa cifra bisogna darla al tribunale
perché difenda la parte lesa.

Un altro quarto spetta alla difesa,
il bollo, dato il fatto eccezionale,
la tassa, il visto con l'addizionale,
l'imposta sulla pratica in corso.

Cento bisogna darli al testimone,
mentre per il cancelliere ne bastano
200 per la presenza.

Sono prezzi di mercato, sempre in linea,
legati all'andamento delle coscienze
e basati sul concetto della vendita a peso.



Poesia inviata da: Nolvio


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti