Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lazio
L'arbero genealoggico
Tutto er monno è 'n casino: ma da 'ndò è comminciato ?

Dialetto: Lazio

L'arbero genealoggico

Nascette la Ricchezza, co' letizzia,
da padre Fortunato, puro chè,
ancora se spettegola de sè
'a madre fu' Saggezza o fù Furbizzia.

C'ebbe 'na fija strana, l'Avarizzia,
tanto ch'è brutta nun se po' vedè,
ma ceca Avidità 'a possedè
e se trovemmo ar monno l'Ingiustizzia.

E questa gennerò, senza coscenza,
'a Rabbia, che criscenno partorì,
danno alla luce l'Odio e 'a Violenza.

E all'ombra de 'sta pianta, chi è capace,
co' 'n po' d'Amore faccia arifiorì,
l'arbusto quasi secco de' la Pace.

  Traduzione in italiano

L'albero genealogico

Nacque la ricchezza, con letizia,
da un padre fortunato, anche se
ancora si discute per capire
se la madre fu la saggezza o la furbizia.

Ebbe una figlia strana, l'avarizia,
talmente brutta che non si può guardare,
ma presa dalla ceca Avidità,
e mise al mondo l'Ingiustizia.

E questa generò, senza coscenza,
la Rabbia che crescendo fece nascere
l'Odio e la Violenza.

E all'ombra di questa pianta, chi è capace,
con un po' d'Amore faccia rifiorire
l'arbusto quasi secco della Pace.



Poesia inviata da: Nolvio


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti