Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Piemonte
Natale 1974
Dialetto: Piemonte

Natale 1974
Dialetto di Alessandria

Chi cu's vig! Gesù Bambèn!
Ma sat fai tra i Lisandrén?
Chi u lè tròpa nèbia e frigg
per masnà citi parigg!

San Giuseppe. cul testón.
marcia semper cme'n ciulón.
Stà'n pò fèrm, o d'na Madòna!
T'veni za da'n Valmadòna!

N'asident! Seij pròpi zlà:
ijm smej dùr cme bacalà!
Avnì a fè slinguè u giasón
ant'il bar ad la Stasiòn.

Ijv spaventi per la gent?
stè tranquill: ijv s-ciàru nent.
L'azu làsli an pò püü 'n là.
'n mèz a ij auto, parchegià;
ma 'l bucén purtumli al bar,
sadnò il màsu: l'è trop car!

A pag mei! Sac' vori piè?
La Madona, in bèl cafè;
a Giùsèp in " cappuccino "
e'n pò'd lacc per il Bambino.

Um dispiaz che pr'il bucén
ij àbiu nanc na friza'd fen.
Ma stasira us fa ribotta:
ai darò doi buondi Motta!

A Nadà truvèvi chi!
Adès' pos anche muri.
Sa chi iej dicc? Cu'v s-ciara ansön?
Ma s'ij son tücc farfaién!

Drera i sold ammache, i curu
e ij'v cunòsu nent, 'sti buru!
Al cor i'han trac ant'l'armenta
e ammà giàsa ij han andrenta.

Sùma pròpi ben ciapà:
a jùma ij auto a sent cavà,
ma carlà d'azu e bucén
nanca bon d'vighi'l Bambén.

Ma ui n'è jön cu v'ha cunsi!
L'è Gelindo cu ven,. chi
'n col plison e'n coi siràs
e col sòcli da strapas!

U lè tùta la sò zuéra
con la cràva cla v'en drera
e Mafè cu dizÝ "Plandròn!"
e ui dà a Tirsi in gran lurdón.

I cumpisu sinquant'ani.
Sa ca fuma?... aij truma'n Tàni?
No? Perchè? U ij'ha dicc ben:
ij han cunsì e capì'l Bambén.

  Traduzione in italiano

Natale 1974


Chi si vede! Gesù Bambino!
Ma cosa fai tra gli alessandrinii
Qua c'è troppa nebbia e freddo
per bambini piccoli così!

San Giuseppe. quel testone.
marcia sempre come uno stupido.
Sta un po' fermo, o d'una Madonna!
Vieni già da Valmadonna!

N'accidenti! Siete proprio gelati:
mi sembrate duri come baccalà!
Venite a fare sciogliere il ghiaccio
nel bar della Stazione.

Vi spaventate per la gente?
State tranquilli: non vi vedono.
L'asino lascialo un po' più in là.
in mezzo alle auto, parcheggiato:
ma il vitello portiamolo al bar,
altrimenti lo ammazzano: è troppo caro!

Pago lo! Cosa volete prendere?
La Madonna. un bel caffè;
a Giuseppe un " cappuccino"
e un po' di latte per il Bambino.

Mi dispiace che per il vitello
non abbiano nemmeno un poco di fieno.
Ma stasera sì fa baldoria:
gli darò due buondi Motta!

A Natale trovarvi qua!
Adesso posso anche morire.
Cosa avete detto? Che non vi vede nessuno?
Ma se sono tutti superficiali!

Soltanto dietro i soldi, corrono
e non vi conoscono. 'sti cretini!
il cuore l'hanno gettato nella spazzatura
e dentro hanno solo ghiaccio.

Siamo proprio ben presi:
abbiamo le auto a cento cavalli,
ma cariche di asini e di vitelli
nemmeno capaci di guardare il Bambino.

Ma c'e n'è uno che vi ha riconosciuto!
E' Gelindo che viene qua
con il peiliccione e con la ricotta
e colle zoccole da strapazzo!

C'è tutto il suo seguito
con la capra che viene dietro
e Mafè che dice: "Pelandrone!"
e dà a Tirsi una grande sberla

Compiono cinquant'anni.
Cosa facciamo?... il gettiamo in Tanaro?
No? Perchè? Gli ha detto bene:
hanno riconosciuto e capito il Bambino.



Poesia inviata da: Vittorio Ziliani


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti