Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Rarici
Per chi lascia la terra natia le radici sono linfa vitale.

Dialetto: Calabria

Rarici

Comu l'arbiru varda a so' rarici
nto mentri chi s'accrisci e menti frunda
e pi fari ccchiù forti a so' matrici
cchiù tempu passa e cchiù 'a faci funda
e si non esti'mpuss'ssata bona
non ghjetta fogghj e frutta e
prestu 'ssicca
e non supporta ventu, lampi e trona,
lassatammillu fari pi 'na picca.
Nan soffru 'i nostalgia nè di rimpiantu
'i chiddhu chi lassai arreru a mia
si parra a 'n calabrisi r'ogni tantu,
è sulu ch'arrancandu a mmenzu a' via
ra vita r'ogni ghjornu cercu 'n cantu
pi diri: ieu sugnu cca e 'i ddha niscia.

  Traduzione in italiano

Radici

Come l'albero guarda alla sua radice
nel mentre che s'accresce e mette fronda
e per fare più forte la sua matrice
più tempo passa e più la fa profonda
e se non è assestata bene
non butta foglie e frutti e presto secca
e non sopporta vento, lampi e tuoni,
lasciatamelo fare per un poco.
Non soffro di nostalgia nè di rimpianto
di quello che lasciai dietro a me
se parlo in calabrese ogni tanto,
è solo che arrancando in mezzo alla via
della vita di ogni giorno cerco un canto
per dire: io sono qui e da lì sono nato.



Poesia inviata da: Francesco Ottanà


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti