Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lazio
Ner còre della notte
Dialetto: Lazio

Ner còre della notte

Prima d’annà all’arberi pizzuti
io vorebbe capì com’è che ar mònno,
ce so’ certi bojaccia e tanti bruti!
Vorebbe aritrovà quer dorce sonno
che te fa riposà senza paura.
T’addormi co’ penzieri de dorcezza,
nun penzanno alla vita tanto dura..
e t’ariscalla ner còr la tenerezza.

Purtroppo ancora tona er temporale..
romba er cannone, spara la mitraja.
Ce so’ crature che ciànno solo male,
la fame e la paura l’attanaja!
Mentre che vejo, senza chiude ‘n occhio..
ner còre della notte, me domanno:
“Quanto dovrà durà ‘sto gran pastrocchio
e perché l’ommini se fanno tanto danno!”

  Traduzione in italiano

Nel cuore della notte

Prima di morire
vorrei capire perché a questo mondo,
ci sono tante persone cattive!
Vorrei ritrovare quel dolce sonno
che ti fa riposare senza paura.
Ti addormenti con pensieri dolci
non pensando alla vita difficile...
e ti riscalda nel cuore la tenerezza.

Purtroppo ancora tuona il temporale...
romba il cannone, spara la mitraglia.
Ci sono creature che conoscono solo il male,
la fame e la paura le attanaglia!
Mentre sono sveglia e non riesco a chiudere gli occhi...
nel cuore della notte mi domando:
"Quanto dovrà durare questo pastrocchio
e perché gli uomini si fanno tanto male!"



Poesia inviata da: Paola Durantini


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti