Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Friuli Venezia Giulia
La parabula del feil prodigo
Questo testo è in dialetto dalmatico, parlato nella regione della Dalmazia.

Dialetto: Friuli Venezia Giulia

La parabula del feil prodigo
E el daic: Jun ciair jumno ci aveja doi feil e el plè pedlo de luoro daic a soa tuota: Tuota duotem la puarte de moi luc che me tuoca, e jul spartati tra luoro la sostuanza e dapù pauch dai, mais toch indajui el feil plè pedlo andaita a la luorga, e luoc el dissipuat toich el suo, viviand malamiant.
Mua el ju venait in se stiass, daic:
Quinci jumni de jurnata
Cn cuassa da me tuota i ju bonduanza de puan e cua ju muor de faum.

  Traduzione in italiano

La parabola del figliol prodigo
Ed egli disse: Un certo uomo aveva due figli ed il più piccolo di essi disse a suo padre:
Padre datemi la parte dei beni che mi tocca, ed egli spartì tra loro la sostanza e dopo pochi giorni, messa insieme ogni cosa, il figlio più piccolo andó lontano, e ivi dissipò tutto il suo, vivendo malamente.
Ma un giorno venne e, tornato in se stesso, disse:
Quanti mercenari in casa di mio padre hanno abondanza di pane e qua io muoro di fame.



Racconto inviato da: Felipe Levorato


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti