Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Veneto
Fiolo Ingrato
Dialetto Vicentino

Dialetto: Veneto

Fiolo Ingrato

Te go cuna', zorno e note
par ti go canta' nenie e nenie ininterote,
te go da' un core come el mio
co tanto dolore, ma co tanto amore!
I to oceti pur cossi' bei, che de porsellana i parea quei,
solo pianser i savea e, el parche', mai se ga savudo,
ne'invocando tuti i Santi, ne' invocando el San Bepi.
Dopo, ti, fra pianti e pianti,piu' cressudo te te ghe trova',
ma el to pianto te ghe cambia' in un canto ben diverso.
Te ghe continua' par ani e ani, a lacrimar,
che la to mama, tante e tante volte, ga tenta'de sugar,
e i to soli desideri de apagar.
Finche', un zorno, triste e sola, al to destin te ga lassa',
parche' solo, avarissia e egoismo i xera dentro al to cor,
e scassa' i gavea l'amor.
Fiolo ingrato, cosi'te ghe lassa', che la to mama,
la se ne andasse,la to mama che tuto la te gavea da',
e a se',solo,ormai la ga pensa',savendo che nel to cor,
posto piu' no ghe xera,par un po' d'afeto e un pocheto d'amor.
Sto qua, no lo podaro' scordare mai, e altro ancora ricordaro'
quando la to man brutal, se ga alsa',
contro chi da sola,gaveate tanto ama'!

  Traduzione in italiano

Figlio Ingrato

Ti ho cullato giorno e notte,
per te ho cantato nenie e nenie ininterrotte,
t'ho dato un cuore come il mio
con tanto dolore ma con tanto amore!
I tuoi occhi, pur così belli,
che di porcellana parevan quelli,
solo piangere sapevan e,il perché mai lo si seppe,
né invocando tutti i Santi, ne invocando San Giuseppe!
Dopo tu, fra pianti e pianti,più cresciuto ti trovasti,
ma il tuo pianto trasformasti in un canto ben diverso.
Continuasti anni e anni sempre e sempre a lacrimar,
che la tua mamma, tante e tante volte
ha tentato di asciugar,
e i tuoi soli desideri di appagar.
Finché un giorno, triste e sola, al tuo destino ti lasciò,
perché solo avarizia ed egoismo eran dentro
al tuo cuor,
e scacciato avean l'amor!
Figlio ingrato, così hai lasciato che la tua mamma
se ne andasse,la tua mamma, che tutto a te aveva dato
e a sé, solo, ormai avea pensato,sapendo
che nel tuo cuor
posto più non c'era, per un po'd'affetto
e un po' d' amor,
Questo, mai scordare lo potrò e altro ancor ricorderò,
quando la mano tua brutal s'alzò,
contro chi da sola sempre aveati amato!



Poesia inviata da: Gemma Bertoncin - Montebello


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti