Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Cu l'angilu mi levu
Preghiera del mattino

Dialetto: Calabria

Cu l'angilu mi levu

Cu l'angilu mi levu la matina
ndi vui Signuri vegnu pe adurari,
cu a grandi matri e ca grandi regina
di quattru cosi m'aviti a scansari:
di mala fama, di mala vicina,
di farzu testimoni e d'ogni mali.

Quandu mi levu e pijgghiu servizzu
Domine Jesu, datimi ndirizzu;
datimi ndirizzzu e santitati,
a fari i me doviri cumandati.

Vaju e m'aduru cu noshtru Signuri,
tri voti avanti chi scura lu suli.
Vaju e m'aduru cu lu Patraternu
su` liberatu di peni du'mpernu.
Vaju e m'aduru cu mamma Maria,
avanti chi sona a dimaria.

Cu tri voti a lu jornu la dirà,
a providenza i Ddiu no mancherà.

  Traduzione in italiano

Con l'angelo mi alzo

Con l'angelo mi alzo al mattino,
da voi Signore vengo a pregare,
insieme a la gran madre e grande regina
da quattro cose dovete scamparmi:
di mala fama, da mala vicina,
da falso testimone e da ogni male.

Quando poi mi alzo e vado al lavoro
Signore Gesù datemi aiuto;
datemi aiuto e santità
per fare il mio dovere .

Vado a pregare nostro Signore,
tre volte prima che tramonti il sole.
Vado a pregare il Padre Eterno
per essere liberato dalle pene dell'inferno.
Vado a pregare mamma Maria,
prima che suoni l'ave maria.

Chi tre volte al giorno pregherà,
la provvidenza di Dio non mancherà.



Poesia inviata da: Silvana Rechichi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti