Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Canzunedha a la diverza
Questa è un'altra versione di "Canzonetta alla rovescia", si trova nel libro "Canti e Cunti" raccolti dal dottor Nino Germanò (1900-1985) per molti anni medico condotto in quel di Scido e Santa Giorgia in provincia di Reggio Calabria. La sua motivazione per questo libro fu la sua paura che il dialetto e la tradizione orale dei nostri paesi si andava via via perdendo. Questa variazione è nel dialetto scidese.

Dialetto: Calabria

Canzunedha a la diverza

Sacciu na canzunedha a la diverza,
e a la diverza la vogghju cuntari.
Vitti na castagnara, ed era cerza,
vorzi mu nchianu supra a dhi ficari.
Llongai la manu mu sciuppu dui puma,
m'arriva lu patruni di li vigna:
-O latru, chi m'arrobi li me' pruna,
tutti ti li cogghisti chisti pigna!
Mi mina cu na petra 'nda 'n garruni,
lu sangu mi curria di li costati;
curriti cu tovagghji e muccaturi,
lu sangu di lu nasu 'u mi stujati.

  Traduzione in italiano

Canzonetta alla rovescia

Conosco una canzonetta alla rovescia,
e alla rovescia la voglio raccontare.
Vidi un castagno ed era quercia
e volli salire su quei fichi.
Allungai la mano per cogliere due mele,
ma arriva il padrone della vigna:
-O ladro che rubi le mie prugne,
hai colto tutte le mie pigne!
Mi tira una pietra sul tallone,
il sangue mi scorreva dal costato;
correte con tovaglie e fazzoletti,
dal mio naso il sangue asciugate.



Poesia inviata da: Silvana Rechichi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti