Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lombardia
Fiolett
Ricordi dei miei giochi da bambina nei cortili dei contadini di Cerchiate,ed una speranza che i bambini di oggi non diventino noi.

Dialetto: Lombardia

Fiolett

Calsonitt tuc pien de bus,
calzetitt arotolaa,
la facia lustra me'n pòmm,
e cont i ginoeuc spelaa.
Du gran d'uga sbarata,
ona bouca de scirèes.
La front semper sudada
per la corsa 'pèna fada.
Sul còll i righ de teera,
i man negher impalta.
Reduci da ona gueera,
finida mez'ora fa.
Per lor l'è già finida
e beven a la fontana.
Se pocien el co inter,
se sbròfen, riden, canten,
se pasen el pan e butèr.
On tòcch a chi l'è senza.
Che beela che l'età chi!
Beata l'innocensa!
Restasen semper inscii!

Ma 'pèna te se vòltet
a diventen come ti.

  Traduzione in italiano

Bambini

Calzoncini pieni di buchi,
calzine arrotolate,
il viso lucido come una mela,
e con le ginocchia spellate.
Due chicchi d'uva spalancati
e una bocca di ciliegia.
La fronte sempre sudata
per la corsa appena fatta.
Sul collo righe di terra,
le mani nere infangate.
Reduci da una
finita mezz'ora fà.

Per loro è già finita
e bevono alla fontana.
Immergono la testa intera,
si spruzzano, ridono, cantano,
si passano pane e burro.
Un pezzo a chi è senza.
Che bella questa età!
Beata l'innocenza!
Restassero sempre così!


Ma appena tu ti giri
diventan come te.



Poesia inviata da: Loredana Moroni


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti