Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lazio
Er Somaro e er Padrone
Dialetto: Lazio

Er Somaro e er Padrone
Dialetto romanesco.

- Mo è troppo - disse er Ciuco ar su' Padrone.
- 'Na vita a sopportà botte e lavoro,
anche si so' un somaro ciò un decoro,
nun vojo subbì più 'st'umijazzione.
Io m'affatico e gronno de sudore
e tu m'aricompensi cor tortore. -
- Ched'è? De che te lagni? Fai protesta
a 'n ordine de cose naturale
indo' io so' l'omo e tu sei l'animale,
che nun se pò permette d'arzà testa.
Si tu t'encaponisci e nun t'aggrada,
te levo la razzione de la biada. -
A 'sto ricatto er Ciuco n'arispose
e drento a se pensò: - Mbeh, cià raggione!
Nun posso aribbellamme. Ciò er magone
ma è mejo de nun peggiorà le cose.
Inzino a che sto bono, chiotto e zitto,
armedio co' le botte alloggio e vitto. -
E fu accusì ch' er Ciuco er su' decoro
se lo lasciò cadé tra sterco e paja.
Lavora, busca, quarche vorta raja
e cià tant'artri che je fanno er coro.
Inzino a che a 'sto monno c'è un somaro,
trovà un Padrone nun sarà mai raro.

  Traduzione in italiano

Il Somaro e il Padrone


- Basta - disse l'asino al padrone.
- Tutta una vita tra botte e lavoro,
anche se son somaro ho del decoro,
non voglio più subire umiliazione. -
Io mi affatico e grondo di sudore
e tu mi ricompensi col tortore.
- Che c'è? Cosa lamenti? fai protesta
a un ordine di cose naturale
dov'io son l'uomo e tu sei l'animale
che non può certo tirar su la testa.
Se tu protesti e questo non ti aggrada,
Ti tolgo la razione tua di biada. -
Al suo ricatto il Ciuco non rispose
e dentro a se penso: - Sua è la ragione.
Non posso ribellarmi. Avrò il magone
ma io non devo peggiorar le cose.
Fintanto che sarò docile e zitto,
prenderò botte ma avrò pure il vitto. -
E fu così che il Ciuco il suo decoro
se lo lasciò cader tra sterco e paglia.
Lavora, prende botte e poco raglia
e ci son tanti che gli fanno il coro.
Fino a che al mondo ci sarà un Somaro,
travar Padrone non sarà mai raro.



Poesia inviata da: Pasquino da Todi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti