Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Marche
Oh amore
Le incertezze e i tormenti di un cuore che soffre le pene d’amore.

Dialetto: Marche

Oh amore

Oh amore,
che bussi sul core,
che fai bubunella,
me tieni in curdella,

me fai véde re stelle
e tutte re cose più belle,
me piji eppò’ c’un su riso,
me porti cun te in paradiso,

eppò’ te ne penti.
Nun senti
re pene e i turmenti,
nu i senti i lamenti

d’un core che piagne,
de ‘n’anima che se langue?
Oh amore, che fai l’ucchiulì’,
perché me strapazzi cuscì?

  Traduzione in italiano

Oh amore

Oh amore
Che bussi al mio cuore,
che fai capolino,
mi tieni nell’incertezza,

mi fai vedere le stelle
e tutte le cose più belle,
mi prendi (per mano) e con un sorriso
mi porti con te in paradiso,

e poi te ne penti.
Non senti
le pene (i dubbi) e i tormenti,
non li senti i lamenti

di un cuore che implora,
di un’anima che si strugge (si consuma)?
Oh amore che ammicchi (mi attiri e mi prendi in giro),
perché mi tratti così male?



Poesia inviata da: Maria Teresa Bonifazi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti