Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lazio
L'ape e l'omo
Dialetto: Lazio

L'ape e l'omo

’N ber giorno n’ape stufa d’esse raggirata
volle dettà a l’omo ’n patto:
-"Se vòj ancora er prezioso manufatto
basta cor veleno-disse arrabbiata!".

Ner sentì sta lamentela l’omo jà rispose:-"N’attimino!
Parli proprio te cò tutto quello ’n corpo
si te ’n cazzi triste chi te sta vicino
armeno io lo sparpajò e nun faccio torto!".

-"Lo dichi te amico bello...
e poi er becco mio è a punta de spillo
se pizzico io mòro -te ar più fai no strillo-
ma campi e quanno fiati...tàji peggio de ’n cortello!"

  Traduzione in italiano

L'ape e l'uomo

Un bel giorno un'ape stanca d'esser raggirata volle dettare a l’uomo un patto:
-"Se vuoi ancora il prezioso manufatto
basta con il veleno-disse arrabbiata!".

Nel sentire questa lamentela l’uomo replico:-"Un attimo!
Parli proprio tu con tutto quello che hai dentro, se t'arrabbi triste chi ti s'avvicina, almeno io lo sparpaglio senza far male!".

-"Questo lo dici tu amico bello...
e poi il mio pungiglione ha la punta d'uno spillo
se pungo io muoio -tu al più fai uno strillo-
ma vivi e quando parli...tagli più della lama d'un coltello!"



Poesia inviata da: Luca Berlenghini


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti