Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
Orarca c'è la Talia, fannu Talia
Canto popolare politico nato dal popolo siciliano per protestar contro il governo post-unitario che si è preso l'oro e l'argento e ha dato in cambio la carta-moneta

Dialetto: Sicilia

Orarca c'è la Talia, fannu Talia
Ora ca c'è la Talia, fannu Talia;
cu 'na canna a li manu è la Sicilia!
Lu beddu regnu ha jutu a gammi all'aria;
Palermu fa dijunu, ch'è viggilia.
St'epuca d'ora chi ni curri laria!
Lu celi ni manna tirribilia!
L'oru e l'argentu squagghiaru pill'aria;
di carta la visteru la Sicilia!

  Traduzione in italiano

Ora che c'è l'Italia, ci derubano
Ora che c'è l'Italia, ci derubano;
con una canna in mano è la Sicilia!
Il bel regno è andato a gambe all'aria;
Palermo fa digiuno, chè è vigilia.
Che brutta che è quest'epoca attuale!
Il cielo ci manda malanni!
L'oro e l'argento si sono sciolti nell'aria;
di carta hanno rivestito la Sicilia!



Poesia inviata da: Popolo Siciliano


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti