Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lazio
Preghiera pe Mamma Mia
Dialetto: Lazio

Preghiera pe Mamma Mia
Mamma è vecchia: cià guasi novant'anni
e er peso de una vita su la schina.
Lei ch'era tanto sverta, mo stracina
pe casa l'ossa piene de malanni.

Sto in pena si se mette a cianchettà,
mentre le gamme je fanno fichetto,
e paro io la madre e lei er pupetto
ch'ha imparato da poco a camminà.

Lo so che avecce mamma ancora attorno
è una gran sorte e mejo nun pòi avella,
ma er còre soffre tanto ner vedella
che torna indietro d'un passetto ar giorno.

'Na cosa che faceva inzino a jeri
oggi nu' j'ariesce più de falla;
quer che tiè fra le mano je trabballa,
se scorda tutto, imbroja li penzieri.

Ma è tanto bello quanno, a l'improviso,
s'accuccia sur sofà come un micetto
e, si m'accosto, me se strigne ar petto
felice come chi sta in paradiso.

Mentre che lei me strigne, io prego Iddio
de falla restà ancora su sta tera
e, inzino a che ce sta, de fà in magnera
che nun se scordi mai er nome mio.

  Traduzione in italiano

Preghiera per Mia Madre
Mamma è vecchia, ha quasi novant'anni
e il peso di una vita sulla schiena.
Lei che era così svelta ora trascina
per casa le ossa piene di malanni.

Sto in pena se si mette a sgambettare,
con le gambe che sono vacillanti,
e sembro io la madre e lei l'infante
che ha imparato da poco a camminare.

Lo so che avere mamma ancora intorno
è gran fortuna e meglio non puoi averla,
ma il cuore soffre tanto nel vederla
tornare indietro di una passetto al giorno.

Una cosa che faceva fino a ieri
oggi non riesce più di farla;
quel che tiene in mano le traballa,
scorda tutto e imbroglia anche i pensieri.

Ma è tanto bello quando, all'improvviso,
si accuccia sul sofà come un gattino
e poi mi stringe, quando mi avvicino,
felice come chi sta in paradiso.

E mentre lei mi stringe io prego Dio
di farla restare ancora sulla terra
e, fin quando c'è, di far in maniera
che non si scordi mai il nome mio.



Poesia inviata da: Rosangela Zoppi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti