Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
Lu Maccu
Dialetto: Sicilia

Lu Maccu
Lu maccu è fattu di favi vudduti e rivudduti, fin'a quannu si squaglianu tutti cumu na frasquatulidda. Lassa, ppi tutta 'na notti, 800 grammi di favi sicchi e scurciati nill'acqua cianurusa di finuocchiu sarbaggiu. Mitti 'ncapu e cuci a fuocu vasciu. Quannu li favi su miezzu cuotti, iunci 300 grammi di cicuriedda già cuciuta 'ntre tanticchia d'acqua, minti spezzii e sali quantu bastanu. Quannu li favi su cuotti, scacciatili ccu la brucetta e facitili squagliari tutti. Livali di 'ncapu lu luci, cunzali ccu uogliu d'ulivi ed è prontu.Lu maccu lu facivanu l'antichi e ancora è canusciutu in tutta la Sicilia.

  Traduzione in italiano

Il Macco
Il macco è fatto di fave ribollite, che diventano una specie di polenta. Lascia per tutta la notte, 800 g di fave secche sgusciate in acqua insaporita con finocchietto selvatico. Metti sul fuoco e cuocile a fuoco lento. A metà cottura, aggiungi 300 g di indivia cotta precedentemente in pochissima acqua, pepe nero e sale a piacere. Quando le fave saranno ben cotte, schiacciale con la forchetta in modo da ridurle in purea. Toglile dal fuoco, condiscile con olio d'oliva e sono pronte. Il macco lo facevano gli antichi e ancora è conosciuto in tutta la Sicilia.



Racconto inviato da: Luigi Ferrari


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti