Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Peppi e Cìcciu
Due amici s’incontrano ed improvvisano un dialogo sentenzioso e un po’ piccante. Giuseppe domanda al paesano se desidera prendere qualcosa, ma poi lascia Francesco a bocca asciutta. L’autore, Domenico Caruso, si è ispirato alla realtà per trattare una conversazione tipica fra coetanei.

Dialetto: Calabria

Peppi e Cìcciu
P. - Saluti e salutamu…
C. - …e stringìmundi la manu!

P. - Comu stai, Cìcciu?
C. - Potìva stari mègghju, Peppi!

P. - Mangiulijàsti ccarcosa? Chi ti pìgghj?
C. - Hàju ‘na fami chi ‘n’òcchju no’ vidi all’atru, ma mi accuntentu ‘i ‘nu cafè!

P. - Vai o’ bar a nomu meu e chi to’ sordi pìgghja chi voi!
C. - Ma no’ vidi c’’a debulizza vàju cadendu? (E jètta ‘nu pìditu)

P. - Finu a quando ‘u culu ventìja…
C. - …’u mèdicu passìja!

P. - Morti nommu ‘nc’è…
C. …e guai c’’a pala!

P. - Si havi a moriri ‘u ciùcciu è mègghju Cìcciu…
C. - …ca ‘u ciùcciu porta ‘i ligna e Cìcciu no: ti piaciarrìa!?

P. - Non t’’a pigghjàri a mmalu, jeu scherzava!
C. - Scherzandu scherzandu ‘a niputi d’abbati nescìu prena!

P. - No’ nescìmu o’ lordu: ‘a vita è bella!
C. - Cu’ ‘ndavi màngia e cu’ no spachìja!

P. - ‘A sapivi l’ùrtima: ‘a mugghjèri ‘nci telefona o’ maritu ‘n Germania mu sapi comu staci:
«Jèu mali, Catina mia, cca sugnu sutta zeru!»
C. - Jìda rispundi: «E jèu bbona, Pauledu meu, cca sugnu sutta unu!»

P. - Pìgghiala ‘i docu! ‘Nci dissi ‘u voi a’ vacca: «’A vidi la to’ spacca?»
C. - Rispundìu ‘a vacca o’ voi: «’Nzonnari tu t’’a poi!»

P. - E’ sempri ‘a solita canzoni: ‘u porcu avìa tri pili…
C. - …e tri pili avìa ‘u porcu!

P. - Si staci facendo tardu e: cu’ staci a speranza d’atru e no’ cucina…
C. - …veni la sira e sona la diana!

P. - E’ ditta la me’ canzuni ‘nta lu tàju…
C. - …ti dugnu lu bongiornu e mi ‘ndi vàju!

  Traduzione in italiano

Peppe e Cìccio
P. - Saluti e salutiamo…
C. - …e stringiamoci la mano!

P. - Come stai, Ciccio?
C. - Potevo star meglio, Peppe!

P. - Hai fatto uno spuntino? Che cosa ti prendi?
C. - Ho una fame che un occhio non vede l’altro, ma mi accontento di un caffè!

P. - Vai al bar a mio nome e con i tuoi soldi prendi ciò che vuoi!
C. - Ma non vedi che per la debolezza casco per terra? (Ed emette un peto)

P. - Fin quando il deretano scoreggia…
C. - …il medico passeggia!

P. - Morte non ci sia…
C. - … e guai con la pala!

P. - Se deve morire il ciuco è meglio Ciccio…
C. - …perché il ciuco porta la legna e Ciccio no: ti piacerebbe!?

P. - Non la prendere a male, scherzavo soltanto!
C. - Scherzando scherzando la nipote del prete è rimasta incinta!

P. - Non peschiamo nel torbido: la vita è bella!
C. - Chi ha, mangia e chi non ha, stringe la cinghia!

P. - La sapevi l’ultima: la moglie telefona al marito in Germania per conoscere il suo stato di
salute: «Io sto male, Catena mia, qui sto sotto zero!»
C. - Lei risponde: «Io sto bene, Paolino mio, qui sono sotto uno!»

P. - Pigliala come la vuoi! Ha detto il bue alla vacca: «La vedi la tua spacca?»
C. - Ha risposto la vacca al bue: «Sognarla tu la puoi!»

P. - E’ sempre la solita musica: il porco aveva tre peli…
C. - …e tre peli aveva il porco!

P. - Si sta facendo tardi e: chi sta alla speranza d’altri e non cucina…
C. - …giunge la sera e suona la diana!

P. - Nel fango è detta la canzone mia…
C. - …ti do il buongiorno e presto vado via!



Racconto inviato da: Domenico Caruso


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti