Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Puglia
Nan ze sendà sechìure
Francesco Palazzo - 1920/2000 - Maresciallo maggiore dei Carabinieri. Il Carabiniere poeta di Bisceglie

Dialetto: Puglia

Nan ze sendà sechìure
Avè pèrse u trène
de re dèce.
- Pe piacère, signòr còpe,
spiégheme bòune, a cè aure
parte cra maténe
u trène de re dèce?
-Ce véine subbete
parte a re dèce,
senèune u péirde arrète.
- Grazzie.
Camenènne camènenne
decià:
Ava iésse ovère?
O m'à pegghiòte pe fésse?
La saire se scè a còlche
e penzòve angòre,
nan ze sendà sechìure.

Francesco Palazzo (1920-2000)

  Traduzione in italiano

Non si sentiva sicuro
Aveva perso il treno
delle dieci.
- Per piacere, signor capo,
mi spieghi bene, a che ora
parte domani mattina
il treno delle dieci?
- Se vieni presto
parte alle dieci,
altrimenti lo perdi di nuovo.
- Grazie.
Camminando camminando
diceva:
Sarà vero?
O mi ha preso in giro?
La sera andò a dormire
e ci pensava ancora:
non si sentiva sicuro.



Poesia inviata da: Antonio Palazzo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti