Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Molise
Arriva rhu lebrette
Dialetto: Molise

Arriva rhu lebrette
Povere viècchie,Pasqualucce Voita,
vettuote e desprezzèate 'gnè mumende.
La néura pe cubélle attacca loita,
rhu figlie alloggia e pare ca'nge sénde.

" Vì che se passa,vì che calamoita!
M'ajje vuta 'ngullà,pure sc-tu viécchie
Rhu Patreterne apuò 'nze move a poita"
Pasqualucce gnà fosse ca 'nde récchie.

Và 'bbide chigna fu,mò,na matoina
jarriva a la 'mbruvvoisa rhu lébrette:
cagnane,nora e figlie,la ceroina.

Vedénnese trattate a ùende gélle,
deceva Voita:" Ah,more condiende!"
E Réusa dolge:" Camba tata biéelle!"

  Traduzione in italiano

Arriva il libretto(di pensione)
Povero vecchio,Pasqualuccio Voita
scacciato e disprezzato ogni momento
la nuora per un niente attacca lite,
il figlio fa il finto tonto e pare che non ci senta.

"Guarda che ci passa,guarda che calamità
Ho dovuto addossarmi anche questo vecchio!
Il Padre Eterno,poi,non si muove a pietà
Pasqualuccio come non avesse orecchie.

Vai a vedere come fu, da poco,una mattina,
gli arriva all'improvviso il libretto:
la nuora e figlio cambiano cera.

Vedendosi trattato a guanti gialli
diceva Voita:"ah,muoio contento!"
E Rosa,dolce :"Campa,tata bello".



Poesia inviata da: Michele Di Ciero


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti