Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Puglia
Nuvue, véinde e fiìure
Francesco Palazzo Nato a Bisceglie nel 1920 e deceduto a Bisceglie nel 2000. Maresciallo Maggiore dei Carabinieri (Il carabinier poeta)

Dialetto: Puglia

Nuvue, véinde e fiìure
Na bèlla maténe
devèrse stèlle alpéne
vedérene ne gruppe de nuvue
e l'addemannòrene:
"A dò sciòte ad acchessé
de cherrénne?"
"Nan zapéme,
u véinde ne spènge,
ne pòrte che idde
vèrse la chianìure,
a mare,
o saupe a re mendègne
finghe a quènne ngòndre
le fròte,
pe scé nzéime
o pe fò léte.
E ce fàcene léte,
mmézze a trònere e lémbe
ne squagghiame
e levame la sècche
a tènda fiìure,
ca nglenate saupe a le stéle
vàsene u pròte
e méndre n'ue mbréme
lòre chendìnuene a cambò."

Francesco Palazzo (1920-2000)

  Traduzione in italiano

Nuvole , vento e fiori
Un bel mattino
diverse stelle alpine
videro un gruppo di nuvole
e chiesero loro:
" Dove andate così
di corsa?"
"Non sappiamo,
il vento ci spinge,
ci porta con lui
verso la pianura,
al mare,
o sulle montagne
fino a quando incontra
i fratelli,
per andare insieme
o per litigare
E se litigano,
tra tuoni e lampi
ci sciogliamo
e togliamo la sete
a tanti fiori,
che inclinati sugli steli
baciano il prato
e mentre noi moriamo
loro continuano a vivere.



Poesia inviata da: Antonio Palazzo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti