Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Puglia
Nan zacce còme se chiame
Francesco Palazzo Nato a Bisceglie nel 1920 e deceduto a Bisceglie nel 2000. Maresciallo Maggiore dei Carabinieri (Il carabinier poeta)

Dialetto: Puglia

Nan zacce còme se chiame
E' na giòvena
biondéne,
che grazzie
e mòde gendéle.
E' assaie criause.
E' na pìupe
pettòte da Sande Lìuche,
ténere,
grazziòse
e delecote
còme na ròse.
E' ne quadre de Renoir?
E' na balleréne de Degas?
E' de chìue!
E' na ròre bellèzze
de Vescègghie.
A guardalle
te dè préisce
e ce t'adòcchie
t'ègne d'emozziòne,
te fòce abbatte
fòrte u còre.
La vaiche spisse
nan zacce còme se chiame.

Francesco Palazzo (1920-2000)

  Traduzione in italiano

Non so come si chiama
E' una giovane
biondina
con grazia
e modi gentili.
E' tanto carina.
E' una bambola
dipinta da San Luca,
tenera,
graziosa
e delicata
come una rosa.
E' un quadro di Renoir?
E' una ballerina di Degas?
E' di più!
E' una rara bellezza
di Bisceglie.
A guardarla
ti dà soddisfazione
e se ti guarda
ti riempie d'emozione,
ti fa battere
forte il cuore.
La vedo spesso
non so come si chiama



Poesia inviata da: Antonio Palazzo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti