Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Puglia
La cambere de la vecchiaje
La filosofia della morte degli anziani.

Dialetto: Puglia

La cambere de la vecchiaje
Dè nnanze se passene la scjurnoite
na maigghie,na scaupe,na resoite.
Stamatèine ste chiantoite la banbire,
s'adoecchiene attoerne,sfoeglene i penzire.
Ce jè ca se no scioute,
sarà Mecoile,Francische o Dunoite,
chisse e trè stavene maloite.
- Naume,jè Colètte,avaive ottanta quatte anne -.
- Tenaive na bbèlle età,
ma nan jère vèchie assè
n'ate e quatt'anne putaive cambè -.
- Maine,miske i carte,ca mo soune mezzadèie,
luamele sti fatte de malencunèie -.

  Traduzione in italiano

L'associazione pensionati
Lì davanti si passano la giornata
una maniglia,una scopa,una risata.
Stamattina è issata la bandiera,
si guardano in giro sfogliano i pensieri.
Chi è morto,sarà Michele,Francesco o Donato,
questi tre stavano malati.
-No,è Nicola,aveva ottanta quattro anni.-
-Aveva una bella età\ma non era vecchio assai
altri quattro anni poteva vivere.-Sbrigati,mischia le carte,che ora suona mezzogiorno,
togliamoli questi fatti melanconici.



Poesia inviata da: Peppino Lupo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti