Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Puglia
La sàere
lungo il litorale seduta sulla scogliera in estate al tramonto...

Dialetto: Puglia

La sàere
Se n’ascènne n’alta dé,
ascènne e pàsse,
e u saule chiaine chiaine s’abbènne,
e scioche ‘mmézz all’àrue
e tènge d’argèinte e d’àure
tòtte re frònze e le ràime.
Saupe ò féle, addò spicce u màire
re nuvue pàssene e pàrene pècorèlle,
ca se tèngene préme de ròse, de rùsse e pò de blù,
e pòre mènghe che ne pettòre
se devèrte a pastregghiò
che le chelìure ca tène ‘mmàine, e tènge
…e po chènge arrète che ne pennèidde u cèile.
S’abbènne u sàule, se vè a còlche ind’a maire,
e fòce de brellènde tòtta l’acque.
Ed è na véte che jé m’nghènde a stu spettacue,
e m’nghènde angòre a guardò,
e stòche dò, tòtt’affratòte.
Intènte u vèinte,
ca dòlce dòlce vène da’mmezze a màire,
accarezze l’èrve de le paràite
e qualche fiore crescìute sàupe o miure,
e vène a scecquò e a chetuò la viste e le capidde mè;
pò se ne fìusce e scàppe arrète ‘mèzz’a màire.
Quènne u sàule ha sparescìute ‘ntutte
Jé u salìute cu penzèire e le deche :
ce vòle De ne vedéme crà,
tiue de sechìure che stà,
je...mah, je spère de petètte angore vedà.

  Traduzione in italiano

La sera
Termina un altro giorno,
finisce e passa,
e il sole piano piano cala,
e gioca tra gli alberi
e colora d'argento e d'oro
tutte le foglie e i rami.
Sul filo (dell'orizzonte) dove finisce il mare
le nuvole passano e sembrano pecorelle
che si tingono prima di rosa, di rosso e poi di blu,
e sembra che un pittore
si diverta ad imbrattare
con i colori che ha in mano, e tinge
...e poi cambia ancora con un pennello il cielo.
Cala il sole, va a coricarsi nel mare,
e fa brillare tutta l'acqua.
Ed è una vita che io m'incanto a questo spettacolo,
e m'incanto ancora a guardare.
Intanto il vento,
che dolce dolce arriva dal mare
accarezza l'erba sulle pareti
e qualche fiore cresciuto sui muri,
e viene a giocare e a smuovermi il vestito e i capelli;
poi fugge via di nuovo verso il mare.
Quando il sole è sparito del tutto
io lo saluto col pensiero e gli dico:
se vuole Dio ci vediamo domani,
tu di sicuro ci sarai,
io...mah, io spero di poterti ancora vedere.



Poesia inviata da: lucrezia


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti