Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
Sole Janco
Poesia in dialetto napoletano vincitrice di Menzione d'Onore al Concorso Nazionale di Poesia in Vernacolo intitolato ai poeti lucani "Carlo e Antonio Tortorella", edizione 2018. Premio della critica conferito dalla presidentesse della commissione giudicante, professoressa Patrizia Del Puente, docente di Glottologia presso l'Università degli Studi della Basilicata e responsabile del Centro Internazionale di Dialettologia. In sintesi: la penombra rivela, talvolta, “comode” verità dietro le quali si cela la realtà agghiacciante di mistificatori, delatori e speculatori (mascherati da brave persone) che lasceranno questa Terra senza aver trasmesso altro che insidiose bestemmie.

Dialetto: Campania

Sole Janco
Sole Janco

Sole janco, sanghe ca nu coce;
o cielo tegne e’case senza a luce.
A verità corre appriesso o viento e nun se fa capace.
Trase rinto a’chiesa, ma nisciuno a’benerice.
Vota e gira dinto a’tazza ro cafè, siente comme abbrucia:
scuorno e chi a tene mente e a mette n’croce.
A verità è a sentenza e na legge senza voce,
na varcatella ca s’mpenna miezo o mare senza truvà pace.
A famma’e chi è dijunu, te uarda e nun o’dice.


O tiempo s’è fatto viecchio, a verità s’è appiccicata co giurnale.
T’a conta nu marpione curtu mieze e’scale,
n’capa e capilli janco e o sfizio e te fa male.
Passa e spassa ‘ncoppa o sanghe e po ce jetta o sale:
a’ mbrugliate e’ carte, a sape longa into o’ tribunale.
Primma t’arravoglia, roppo t’ dice che è riale.
Sole janco, na carogna s’arritira ca cuscienza scurtecata,
nisciuno o po berè, pure a morte l’a scanzato.

Tene l’uocchie strascinate, uarda’ nderra e fa peccato,
n’guorpo tanta serpe, una rinto a’nata.
N’ombra nera comme o’ lutto: lacreme sfuttute, muorte scamazzate.
Puru l’acqua fresca a’ ndossecata.

L’ombra e na bucia stuta o’suonno re criature,
’nganna a gente rinto e’ quatto mura:
nu juorne si e chill’atu puru.
Sole janco, a paura rinto all’uocchie e chi care e cerca aiuto.
Mane e chi a speranza s’è vennuto,
mane chiene e terra. E chi è sciso e po è sagliuto.
Quante e chesti mane rinto e’ mane aggiu strignutu!
Pe spartere sti passe, quantu suonno aggiu perdutu!
Sole janco, comme e nuvole ca se smersano a migliare.
S’appenneno a stu cielo: nu suonno, na luce ca scumpare.
Janco comme a cera e’ chi fa male: a cannela se strure e nun ce pare.
Janco comme a'sposa rassignata: nu scarpone, na seggia e nu cucchiaro.
O sole s’annasconne, pare nu mariuolu che mane rinto a’ sporta.
Primma aesce, po trase zittu zittu e chiure a’ porta.
Nu juorno schiara, n’atu juorno tene a luna storta.
Na vota t'accumpagna, n’ata vota aspetta a’ciorta.
Si stu sole fosse o’veru, a miseria fosse na bucia.
O curaggio e accummingià ro capo paresse na pazzia.
Abbastasse l'acqua e’mare pe sanà a’appucundria.
Ma a notte s'è sbagliata, s'è mbriacata e fantasia.
Primma secuta o’ juorno cu na specie e litania e doppu o’fa zumpà.
Spoglia a vita e chi putesse e nun o fà; e chi a’avuto e nun o dà.
Stu sole janco comme a carta nun abbasta pe te’arricurdà:
E tu che e’ semmenato spine e chiuovu, che tiene a’murmurià?
T'abbuffe senza sparte terra a’cammenà: si o're re meze verità.
Vino ca nu vivi lassa o’sta; uva che conta, cantina che sponta.
Gocce r’acqua rinto o’scuro e sole janco nun aizano na pianta.
“Urdimo treno”! Ngoppa nun puorte semmenta, ma o finale e nu cunto vacante.
Quanno ce saglie, nun te fa sente: si s’avotano e’muorte se capotano e sante.




  Traduzione in italiano

Sole Pallido
Traduzione

Sole Pallido

Sole pallido, il sangue non si scalda,
Il cielo colora abitazioni spente.
La verità corre dietro il vento e non si persuade.
Entra nelle chiese ma nessuno la benedice.
Gira e rigira nella tazza del caffè, puoi sentire come brucia:
vergogna di chi la guarda con distacco e la crocifigge.
La verità è come la sentenza di una legge senza autorevolezza,
una barchetta scossa dalle onde del mare che non trova riparo,
la fame di chi è digiuno, ti guarda e non lo rivela.
Il tempo, oramai, è andato fin troppo oltre e la verità ha lasciato i giornali.
Te la racconta un vile mascalzone sulle scale,
in testa ha i capelli grigi e l’intenzione di colpire a tradimento.
Passa e ripassa sul sangue versato, poi cosparge di sale le ferite aperte:
ha fatto carte false, la sa lunga quando si tratta di giudicare gli altri.
Prima confonde e disorienta, poi ti vorrebbe convincere che è tutto vero.
Sole pallido, un vigliacco torna a casa con la coscienza malandata,
nessuno vorrebbe incontrarlo, anche la morte lo ha evitato.
Tiene lo sguardo basso, lo trascina come il peso di una colpa grave.
La perfidia che lo anima è come il veleno di mille serpenti:
Un’ombra nera come l’oscurità che ha deriso la sofferenza e umiliato i defunti.
Anche l’acqua sorgiva ha avvelenato.
Il lato più oscuro di una bugia spegne i sogni dei bambini
Illude la gente nella loro intimità,
un giorno dopo l’altro.
Sole pallido, come la paura negli occhi di chi cade e chiede aiuto.
Mani di chi ha venduto anche la speranza,
mani di chi proviene dalla terra, di chi è crollato e poi si è riscattato.
Quante di queste mani ho stretto fra le mie!
Per condividere queste strade, quante notti insonni!
Sole pallido, come le nuvole che si ribaltano a migliaia.
Sembrano appese al cielo come ad un grande sogno, una luce che svanisce.
Pallido come la cera del volto di chi ferisce: il tempo che la candela si consumi e il male sparisce.
Pallido come una sposa sventurata: conta su poche suppellettili, desco nudo e mensa scarna.
Il sole fa capolino e sembra nascondersi come un ladro con le mani nella borsa.
Prima risplende, poi sembra ritirarsi in silenzio e chiudere la porta.
Un giorno rischiara, un altro s’imbroncia.
Una volta è di buona compagnia, un’altra si arrende alla sorte.
Se questo sole fosse reale, la miseria sarebbe una menzogna,
il coraggio di iniziare tutto daccapo diverrebbe una follia.
Basterebbe l’acqua di mare per curare l’inquietudine.
Ma la notte si è sbagliata, si è ubriacata di immaginazione.
Prima Insegue il giorno con una sorta di invocazione e dopo lo respinge.
Impoverisce la vita di chi potrebbe fare tanto ma non alza neppure un dito e di chi ha avuto molto senza concedere nulla.
Questo sole bianco come la carta non basterebbe a ricordarli.
E tu che hai stillato rancori e ostilità, perchè blateri tanto?
Prendi avidamente tutto senza condividere qualcosa su cui costruire, ostenti falsa saggezza (sei il re delle mezze verità).
Stai lontano da tutto quel che non ti appartiene; laddove ci sono buone risorse c’è sempre uno sbocco (lascia stare il vino che non bevi; dove c’è uva buona, c’è sicuramente un vinaio degno di nota).
Qualche goccia d’acqua versata in segreto e un sole pallido non innalzano un albero.
Sull’ultimo “treno” non porterai feconde virtù, ma l’epilogo di un racconto vuoto.
Quando ci salirai, non fare rumore: se i defunti si rivolteranno, i santi diverranno ostili.



Poesia inviata da: Nando Silvestri


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti