Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Basilicata
EREVA RE VIENTO
Appare come una misera ed inutile erba, eppure nella sua umiltà svolge la sua funzione. Non occorre inorgoglirsi siamo tutti un poco come la parietaria.

Dialetto: Basilicata

EREVA RE VIENTO
Ereva re viento,
t'abbasta 'nna senga
re 'nno muro viecchio
e sgarrupato
pp'apperà a campà.

'Nna spera re sole, ma,
n'adda mancà lo viento,
ca te scerpola e pare
ca te pasci sulo re viento.

Lo viento ca te scerpola
come fussi li capiddi
re 'nna bella femmena.

Tieni cunto, orla lo muro,
èreva re viento, ca
com'a tti tanta re nui,
puri si sbattuti ra la
tropèia re la vita, àto no fàno
c'abbellì 'nno muro,
c'apparà 'nna senga.

Povera, umile e ielata, èreva re viento.

  Traduzione in italiano

Erba di vento (parietaria)
Erba di vento
ti basta una fessura
di un vecchio muro
e malandato
per cominciare a vivere.

Un raggio di sole, ma
non deve mancare il vento,
che ti scompiglia e sembra
che ti pasci solo di vento.

Il vento che ti scompiglia
come fossero i capelli
di una bella donna.

Tieni da conto, lungo il muro,
erba di vento, che
come te tanti noialtri,
anche se sbattuti dalla
tempesta della vita, altro non fanno
che abbellire un muro,
che riempire una fessura.

Povera, umile e fragile, erba di vento!



Poesia inviata da: Giuseppe De Vita


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2023 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti