Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Puglia
Nu cafòn
Certi insegnamenti valgono tutta una vita

Dialetto: Puglia

Nu cafòn
Nu cafòn
Nu cafòn m’à ‘nz’nghèt
‘ndò vànn i stèll quànd
c’ fà jùrn!
A ju’smijà l’an’m d’ stu paés
a matìn prèst!
A ngav’darm o sòl!
Nu cafòn m’à ‘nz’nghèt a
camm’nà scav’z sòp e prét
e dìnt vìgn.
A ‘ffunnà i pét dìnt a lòt
jùmm’d e a pung’càrm e
rang’càrm sòp a tèrra tòst.
M’ à nz’nghèt a ‘nd’nd’lijà
u p’dèl p’ fa cadì a pr’còch
e ca nu bèll frùtt n’c pò fa
‘mbrac’tà!
M’ à ‘nz’nghet a jèss
mò lèp e mò furmìch!
A magnà u pèn ca c’pòll;
m’nèstr d’ fèv ‘rrcèt
Cìc jasc’chèt e c’c’rchièt.
Ca u pèn tòst n’n c’ jètt!
C’ fa u pèn’cott o l’acquasèl!
E p’ m’ crèsc d’rìtt
stu cafòn
ogni tànt mà dèt pur
nu sc’chaffòn
Nu jùrn, quànd po’ m’ n’ so jùt
M’a dìtt : Tu mò t’ n’va
e jì nènt t’ pòzz da!
‘N’nè ‘lluvér, Papà, tu già
m’a dèt assà
M’ a fàtt ròss; m’a ‘mparèt
a campà !
T’nèv nu cav’zon senza
‘na saccòcc
ma l’è st’pèt ‘ndo còr e dìnt
a còcc!

  Traduzione in italiano

Un cafone
Un cafone mi ha insegnato:
Un cafone mi ha insegnato
dove vanno a dormire le stelle quando
fa giorno.
Ad assaporare l’anima di questo paese
al mattino presto!
A scaldarmi al sole.
Un cafone mi ha insegnato a
camminare scalzo sulle pietre
e nella vigna.
Ad affondare i piedi nel fango umido
a pungermi e graffiarmi sulla terra dura.
Mi ha insegnato a scuotere l’albero
per far cader la pesca
e che un bel frutto non va lasciato marcire.
Mi ha insegnato ad essere
ora ape ed ora formica.
A mangiare il pane con la cipolla;
minestra di fave arricciate
ceci abbrustoliti e cicerchiata.
Che il pane duro non si butta.
Si fa il pancotto o l’acquasale!
E per crescermi retto
questo cafone
ogni tanto mi ha dato anche
uno schiaffone.
Un giorno quando poi sono andato via
mi ha detto: “Ora tu te ne vai
ed io non posso darti nulla!”
Non è vero, papà, mi hai già
dato molto.
Mi hai cresciuto;
mi hai insegnato
a vivere!
Avevo un pantalone senza
una saccoccia;
l’ho conservato nel cuore
e nella mente!



Poesia inviata da: Michele Giuliano


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti