Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Friuli Venezia Giulia
Al rispir de 'l tenp
Una passeggiata solitaria tra i colori dell'autunno

Dialetto: Friuli Venezia Giulia

Al rispir de 'l tenp
Rumit, spassizo
par trozi sconti e ziti
ta penelade de colori
che l'autuno regala.

E me perdo cul pinsier
drento un zito rot solche
dal me talpassament
su tapedi de foie seche,
che svèa rumori
che se perde ta'l tenp.

Chissà quanta zente
prima de mi
à pestegà sti trozi,
cui stessi pinsieri
e tribui
che la vita te regala.

Ta l'ultima luze del zorno,
torno apian sui me passi
e me gioldo
la strigarìa de l'ora
cul vent
che 'l se strassina drio
un son de canpane
che le canta al me zito.

  Traduzione in italiano

Il respiro del tempo
Solitario, passeggio
per viottoli silenziosi
tra pennellate di colori
che l'autunno regala.

E mi perdo con il pensiero
dentro un silenzio rotto solamente
dal mio calpestio
su tappeti di foglie secche
che svegliano rumori
che si perdono nel tempo.

Chissà quanta gente
prima di me
ha calpestato questi viottoli,
con gli stessi pensieri
e tribolazioni
che la vita ci regala.

Nell'ultima luce del giorno
torno indietro sui miei passi
godendo
l'incantesimo del momento
con il vento
che si porta dietro
un suono di campane
che cantano il mio silenzio.



Poesia inviata da: Franco Fabris


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti