Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Veneto
a Venezia
Breve inno alla città con forte senso di appartenenza

Dialetto: Veneto

a Venezia
No gh'è a sto mondo, no, Cità più bela,
Venezia mia, de ti, per far l'amor;
No gh'è dona, nè tosa, nè putela
Che resista al to incanto traditor.

Co' un fià de luna e un fià de bavesela
Ti sa sfantar i scrupoli dal cuor;
Deventa ogni morosa in ti una stéla
E par che i basi gabia più saor.

Venezia mia, ti xe la gran ruffiana,
Che ti ga tuto per far far pecai:
El mar, le cale sconte, i rii, l'altana,

La Piazza e i so colombi inamorai,
La gondola che fà la nina-nana....
Fin i mussati che ve tien svegiai !

RICCARDO SELVATICO

  Traduzione in italiano

a Venezia
Non c'è a questo mondo una città più bella,
Venezia mia, di te, per fare l'amore;
Non cè donna, ne' ragazza, ne' giovanetta
Che resista al tuo incanto traditore.

Con un filo di Luna ed un lieve venticello
Fai svanire gli scrupoli dal cuore;
Diventa ogni fidanzata in te una stella
E sembra che i baci abbiano più sapore.

Venezia mia, tu sei una grande ruffiana,
Alla quale nulla manca per far peccare,
Il mare, le calli nascoste, i canali, le terrazze sui tetti,

La Piazza ed i suoi colombi innamorati,
La gondola che fa la ninna-nanna...
Persino i moscerini che ci tiene svegli !

RICCARDO SELVATICO



Poesia inviata da: Paolo Chincarini


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti