Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
Natali oggi
Parallelismi fra il Natale di oggi e quello di una volta, relativamente al benessere vigente.

Dialetto: Sicilia

Natali oggi
Ora ca s’avvicina lu Natali
Me’ figghiu voli rigalatu un jocu
E già pripara la so’ littricedda
Pi’ dumannari qualchi cosa bedda.

“Papà”, mi dissi, “vulissi rigalatu
Lu robot, ca si trasfurma e parra,
e poi ancora la televisioni
unni vidiri sulu li cartoni.

Vulissi puru unu di ddi jochi
Ca servinu a cumprenniri la vita,
Oppuru lu computer ‘ntilligenti,
ca fa li cunta e nun si scorda ‘i nenti”.

Mi vinni ‘n menti lu me tempu jutu,
di quannu ‘stu binessiri nun c’era,
e lu cchiù beddu pupu canusciutu,
fu ‘na quasetta china ‘i sirratura.

  Traduzione in italiano

Natale oggi
Ora che Natale s'avvicina
mio figlio vuole in regalo un gioco
e già prepara la letterina
per domandare qualcosa carina.

"Papà", mi disse, "vorrei in regalo
un robot, che si trasforma e parla,
e poi ancora la televisione
dove vedere solo cartoni animati.

Vorrei anche uno di quei giochi
che servono a capire la vita,
oppure il computer intelligente,
che fa di conto e non dimentica nulla".

Mi torna in mente il mio tempo andato,
quando questo benessere non c'era,
e il gioco più bello conosciuto
fu una calzetta piena di segatura.




Poesia inviata da: Salvatore Corrao


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti