Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Leggi e statistica...
Poesia del poeta cauloniese Orazio Raffaele Di Landro pubblicata su "Nuovo domani sud" n° 3 anno XXI, maggio-giugno 2012. Qui il poeta è critico sul modo di applicazione della legge e sul fatto che questa sia veramente giusta e uguale per tutti o no!

Dialetto: Calabria

Leggi e statistica...
E' com'esti a statistica ogni leggi:
veni applicata ca percentuali;
e non è veru ca pe' tutti è uguali,
ma cc'ennu petri grossi e cc'ennu scheggi.

E comu cunti cunti mai pareggi,
e mai poi separari beni e mali.
Quando ti trovi nta nu tribunali
non pensi mai ch'è sempi giusta a leggi.

Ma pensi inveci ca veni applicata
a secundu com'ennu i condizioni
jornu pe jornu, ed è sempi sbagghjata

pe ogni persuna a giusta proporzioni.
Perciò a sentenza è sempi approssimata
e raramenti è giusta a soluzioni.

  Traduzione in italiano

Legge e statistica...
Ogni legge è come la statistica:
Viene applicata con la percentuale;
e non è vero che è uguale per tutti,
ma ci sono "pietre grosse" e ci sono "schegge".

Ed in qualsiasi modo tu faccia i conti non pareggi mai,
e mai puoi separare il bene dal male.
Quando ti trovi in un tribunale
non pensi mai che la legge è sempre giusta.

Ma pensi invece che viene applicata
a seconda delle condizioni
giorno per giorno, ed è sempre sbagliata

per ogni persona la giusta proporzione.
Perciò la sentenza è sempre approssimata
e raramente è giusta la soluzione.



Poesia inviata da: Orazio Raffaele Di Landro


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti