Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Abruzzo
3 e 32. Dédicàte a l’Aquéla
6 aprile 2009/2011 A due anni dal terremoto l'Aquila che non ancora ha le ali per volare. Dedicata a tutti gli aquilani ed a quelli, anche non de l'Aquila, che hanno perso i propri cari.

Dialetto: Abruzzo

3 e 32. Dédicàte a l’Aquéla
3 e 32:
muménde de terròre;
lu jiorne che nasce,
la céttà che ssé mòre.

Làsséne le càse sicùre,
lu spazije a lu tèrròre,
tra morte e pàùre
trascòrréne li òre.

Uocchije apérte e sbarràte
Cche ccèrchéne a lu scùre
La vije d’èsse rénate
Tra làcére di mùre.

Polvére e ssàngue,
làcréme e grìde,
jiè la cettà cche llàngùe
a recércà la vìte.

Fèrme, se ne scjtà,
cuscjè sàlde e mmòte,
la cettà àncòre pèste
da trémòre e càscjta

ca decìde vònne
come a da récomengjà
a mmònte a ssì muntàgne
l’Aquéla a ffà vulà.

  Traduzione in italiano

3 e 32 Dedicata a L’Aquila
3 e 32:
momenti di terrore;
il giorno che nasce,
la città che muore.

Lascian le case sicure,
gli spazi al terrore
tra morte e paure,
trascorron le ore.

Occhi aperti e sbarrati
che cercano nello scuro
la via dell'esser rinati
tra laceri di muro.

Polvere e sangue,
lacrime e grida,
è la città che langue
nel ricercar la vita.

Ferma, resta,
ben salda e immota,
la città ancor pesta
da tremore e casta

che decider voglion
come continuare
sui superbi monti,
l'Aquila far volare.



Poesia inviata da: Giovanni Ricci


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti