Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Marche
Lu core mé
Una sera il mio cuore.....

Dialetto: Marche

Lu core mé
'Stasera lu patro' de casa mé,
s'è mistu a fà lu stranu 'mbo' de più,
me'ssè'nvugatu, me stregne e me fà piagne....
Ma che deo fà?
poesse che deo corre a lu spedà?

Mé 'rmango zitta,
mé metto un 'mbo' a sedé, 'llongo le zambe...
ce metto la mà!
Oh patro' ma che stai a fà?
ti sci 'mmattitu,no' stai a 'rraccapezzà?
Curri come lu endu, sci 'ccelleratu.....ma meglio cusci
...che se t'eri fermatu!

  Traduzione in italiano

Il mio cuore
questa sera il padrone di casa mia,
si è un po' stranito;
và molto veloce , stringe e fà piangere.
Ma cosa devo fare?
può essere che devo andare all'ospedale?

Rimango zitta,
mi metto un pò a sedere,allungo le gambe...
ci metto la mano.
Oh padrone ma che stai a fare,
sei ammattito,non capisci più?
corri come il vento, sei accellerato....ma meglio così
...che se ti eri fermato.



Poesia inviata da: Raffaela Cotini


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti