Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
lìbbiru arbìtriu
L’essere umano è davvero libero di autodeterminarsi? (sonetto inedito in dial. calabro-reggino)

Dialetto: Calabria

lìbbiru arbìtriu
Si ppiscamu nt”a storia d’un passatu
chi ssi cunfundi spissu c”a liggenda,
supr’a ll’òcchj ‘a Furtuna àvi na bbenda,
‘a Fidi è ddonu chi ndi veni datu.

Partendu ‘i ‘sta premessa, u rrisurtatu
porta a na cunsiquenza ch’è ttrimenda:
cu’ àvi casa ‘randi e nno’ na tenda
non fu vvalenti, è ssulu furtunatu.

Si ddi pregari lu bbisognu senti
pirchì nd’avisti u donu di la Fidi,
sî bbenvolutu di ll’Onniputenti.

È ffattu chistu, nompirò, chi srridi
c”a vuluntà di ll’omu. Non sî nnenti!
Apposta, forsi, … l’infedeli rridi.

(24-10-2010)

  Traduzione in italiano

libero arbitrio
Se peschiamo nella storia d’un passato
che si confonde spesso con la leggenda,
sopra agli occhi la Fortuna ha una benda,
la Fede è dono che ci viene dato.

Partendo da questa premessa, il risultato
porta a una conseguenza ch’è tremenda:
chi ha una casa grande e no una tenda
non fu valente, è solo fortunato.

Se di pregare tu il bisogno senti
perché hai avuto il dono della Fede,
sei benvoluto dall’Onnipotente.

È fatto questo, tuttavia, che stride
con la volontà dell’uomo. Non sei niente!
Apposta, forse, … l’infedele rride.

(24-10-2010)



Poesia inviata da: MAMUNI


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti