Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
pecuruni a vvita
“Cesso lordo” è un’espressione popolare che rende bene l’idea di un ambiente sporco, lurido anche sotto il profilo morale. (sonetto inedito in dialetto reggino)

Dialetto: Calabria

pecuruni a vvita
Ê tempi r”a bbonànima d”a lira
lu nosrru mundu era ggià fàzu e ngordu
pirò putivi diri, vôta e ggira,
chi ‘stu Paisi… non baliva un sordu.

Oggi, c’u tira e mmolla, molla e ttira,
si nzùrtunu e ssi mèntunu r’accordu
pi nnon fari i rriformi. Si rrispira
puzza di cessu, sì, di “cessu lordu”.

Nu pòpulu chi ssoffri, e ccu rraggiuni,
ma si rrassegna no’ mmi nd’àvi cori,
passa la vita comu a ‘ddi pirsuni

chi vvìvunu mi còvunu rrancori...
Campa facendu sempi u pecuruni
e pprestu o tardu pecuruni mori!

(26-04-2010)

  Traduzione in italiano

pecorone a vita
Ai tempi della buonànima della lira
il nostro mondo era già falso e ingordo
però potevi dire, volta e gira,
che questo Paese… non valeva un soldo.

Oggi, col tira e molla, molla e tira,
s’insultano e si mettono d’accordo
per non fare le riforme. Si respira
puzza di cesso, sì, di “cesso lordo”.

Un popolo che soffre, e con ragione,
ma si rassegna a non avere cuore,
passa la vita come a quelle persone

che vivono covando rancore...
Campa facendo sempre il pecorone
e presto o tardi pecorone muore!

(26-04-2010)



Poesia inviata da: MAMUNI


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti