Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
i ddu’ furni||
Qui si narra d’un fornaio egoista, furbastro, che per volere troppo perderà tutto! (sonetto inedito in dialetto reggino)

Dialetto: Calabria

i ddu’ furni||
Si cunta d’un furnaru ngordu assai,
ch”e primi luci ’i ll’arba, ogni mmatina,
mbèci mi dormi va circandu vâi
e ttrafichìa cu llèvitu e ffarina.

Teni ddu’ furni. No’ rriposa mai.
Nzigna a ll’àutri comu si cucina:
a mmanca nfurna pani p’i massai,
a ddesrra còci durci e ccrostatina.

Nu mottu, tantu sàggiu quantu vècchiu,
dici: Cu’ troppu vòli nenti attèni.
E ’stu furnaru, c’u so’ vai e vveni,

fermàndusi ogni ttantu avanti ’o spècchiu,
bbrùcia tuttu, pigghiàndula… ntel sècchiu,
comu rinnu a Ffirenzi. Nci cumbeni?

(28-01-2010)

  Traduzione in italiano

i due forni||
Si conta d’un fornaio ingordo assai,
che alle prime luci dell’alba, ogni mattina,
anziché dormire va cercando guai
e tràffica con lievito e farina.

Tiene due forni. Non riposa mai.
Insegna agli altri come si cucina:
a manca inforna pane per le massaie,
a destra cuoce dolci e crostatina.

Un motto, tanto saggio quanto vecchio,
dice: Chi troppo vuole niente ottiene.
E questo fornaio, col suo andare e venire,

fermandosi ogni tanto avanti allo specchio,
brucia tutto, prendèndola… nel secchio,
come dicono a Firenze. Gli conviene?

(28-01-2010)



Poesia inviata da: MAMUNI


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti