Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lazio
O scribbacchino
Dialetto: Lazio

O scribbacchino
Lo chiaman Travet o Fantozzi, il meschino,
ed il suo mestiere è lo scribacchino.

Lavora all’ufficio di previdenza,
ma non dimostra una gran competenza
a chi ha atteso in fila con tanta pazienza:

disoccupati, ammalati, pensionati,
tutti egualmente malcapitati,
con quell’inetto impiegato perfetto,
senza rispetto e con poco intelletto.

Ti dice: “Li conti nun ll’ho fatti io!”,
e pensa: “A fine mese li sòrdi io li pìo”.

Passa il suo tempo sì annoiato e stanco
“ché a llavorà nun ce penza nemmanco,

manco co‘n carcio nér sedere”,
neanche solo per dare a vedere
che lo stipendio se lo guadagna
(con meno sforzo d’una stupida cagna).

Che bella vita! Che bella cuccagna!
“Mentre ér poraccio aspetta e nummàgna”.

“che strazio co’sta lagna!
…finìmola e bbasta!”
dice a sua moglie, che “butta” la pasta.

Pasta “rubata”, ma bene al dente,
mangiata alla faccia dell’ignaro indigente.

(In "Giochi di riflessi" - Guerra Edizioni - Perugia 2001)

  Traduzione in italiano

Lo scribacchino
Lo chiaman Travet o Fantozzi, il meschino,
ed il suo mestiere è lo scribacchino.

Lavora all’ufficio di previdenza,
ma non dimostra una gran competenza
a chi ha atteso in fila con tanta pazienza:

disoccupati, ammalati, pensionati,
tutti egualmente malcapitati,
con quell’inetto impiegato perfetto,
senza rispetto e con poco intelletto.

Ti dice: “I conti nun li ho fatti io!”,
e pensa: “A fine mese i soldi io li prendo”.

Passa il suo tempo sì annoiato e stanco
“perché a lavorare non ci pensa neanche (per niente),

neanche con un calcio nel sedere”,
neanche solo per dare a vedere
che lo stipendio se lo guadagna
(con meno sforzo d’una stupida cagna).

Che bella vita! Che bella cuccagna!
“Mentre il poveraccio aspetta e non mangia”.

“che strazio con questa lagna!
…finiamola e basta!”
dice a sua moglie, che “butta” la pasta.

Pasta “rubata”, ma bene al dente,
mangiata alla faccia dell’ignaro indigente.



Poesia inviata da: Marco Anastasi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti