Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
CUNSÌGGHJ
Consigli necessari al cliente disgustato dalla pietanza che gli propinano... e pure indeciso sul da farsi. (Testo in dialetto calabro-reggino)

Dialetto: Calabria

CUNSÌGGHJ
U pòpulu supporta. È ‘bbituatu
mi senti diri Statu di dirittu
sapendu chi nci sèrbunu u stufatu
chi ssapi ‘i fumu niru e dd’ògghiu frittu.

Ma eu, chi ssu’ pueta ‘lluminatu,
sentu u duviri di non stari zzittu:
‘o maru Cristu, sulu, scunzulatu,
pirciò nci nzignu... mi si faci ddrittu.

È rrisaputu, non s’atteni nenti
cu llamenteli, cu pprutesti e cchianti:
si fannu sulu chiàcchjri an bacanti.

Dipendi sulu ‘i nui, d’i crïenti.
Bbasta, rristandu aniti a ll’âtra ggenti,
cangiari srrata. E ppuru rristoranti!

(24-02-2010)

  Traduzione in italiano

CONSIGLI
Il popolo sopporta. È abituato
a sentir dire Stato di diritto
sapendo che gli servon lo stufato
pregno di fumo nero e d’olio fritto.

Ma io, che son poeta illuminato,
sento il dovere di non stare zitto:
al gramo Cristo, solo, sconsolato,
perciò gl’insegno... a dimostrarsi dritto.

È risaputo, non si ottiene niente
con lamentele, con proteste e pianti:
si fanno solo chiacchiere a vuoto.

Dipende soltanto da noi, dai clienti.
Basta, restando uniti a l’altra gente,
cambiare strada. E pure ristorante!

(24-02-2010)



Poesia inviata da: MAMUNI


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti