Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Liguria
Doppu che-u l’è ciêuvuo
Dialetto: Liguria

Doppu che-u l’è ciêuvuo
Ma foscia u nu ciêuve
ciù: gh’è inturnu poxe
grande e duçe:
da-e rame, da-e fêugge
se stacca l’urtime
gusse d’argentu.
Na’ bova de ventu
intanto a se lëva,
a sciuga in po’,
a drêuve nivue,
a ciama sô.


Muntagne nette,
oudù de violette,
e-u rian cuntentu
che rïe a sentu
sutta a-u barcun.

Sun frescu drentu,
fresco fêua:
me sentu lëgiu,
tuttu lavon,
e-a sgöu cu-i sbïri
che in çê fan rêua.

  Traduzione in italiano

Dopo la piggia
Forse non piove
più: tutt’intorno c’è una pace
grande e dolce;
dai rami, dalle foglie
si staccano le ultime
gocce d’argento:
Una bava di vento intanto
si alza,- e asciuga un poco,
e apre le nuvole
e chiama il sole.

Montagne limpide:
odore di violette,
e il torrente contento
sento che ride
sotto al balcone.

Sono fresco dentro,
fresco fuori:
mi sento leggero (=lëgiu)
tutto lavato
e volo (=sgou) con i rondoni (=sbïri)
che nel cielo fanno ruota (=rêua).



Poesia inviata da: Luigi Panero


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti